Rimpiangeremo qualcuno? DI: Giacomo Fiaschi

“… Il loro vero scopo non era quello di liberare l’Italia dalla servitù, ma di prendere il posto dei vecchi satrapi di regime…” G. Fiaschi


In Italia abbiamo tanti partiti, ognuno dei quali con un programma diverso, ma tutti con lo stesso obiettivo prioritario: mantenere il Paese sotto la guida dei burocrati di Bruxelles.
“Extra UE nulla salus” potrebbe essere il motto che li unisce tutti.
Troveranno certamente il modo di fare un governo. Siamo ormai stati colonizzati da una UE che decide cosa si può e si deve fare. Governo, parlamento, magistratura ed esercito sono agli ordini di Bruxelles, dove Germania e Francia decidono tutto: cosa, quando, come e dove.
Attila e Masaniello han buttato via la maschera e si sono inchinati davanti a sua maestà UE giurando fedeltà alla BCE alla NATO e ai cosiddetti “Investitori Internazionali”, nuovo appellativo di quelli che una volta si chiamavano “Poteri Forti”.
Il loro vero scopo non era quello di liberare l’Italia dalla servitù, ma di prendere il posto dei vecchi satrapi di regime.
Ed è del tutto irrilevante che l’abbian fatto in buona fede o in malafede, con piena avvertenza e deliberato consenso oppure no. In politica malafede e buona fede, consapevolezza e inconsapevolezza sono parole prive di significato. Contano le scelte che si fanno, non le intenzioni o il grado di coscienza.
Perché quando al popolo arriva il conto da pagare il popolo deve pagare e basta e chi deve riscuotere non gli fa lo sconto se chi ha designato come suoi rappresentante era in malafede o inconsapevole. Anzi, se gli gira male raddoppia pure il prezzo.
Renzi e Berlusconi, bastonati a sangue dagli elettori, ne sanno qualcosa.
Verranno rimpiazzati certamente. Entrambi incontinenti e divorati da passioni diverse, hanno dimostrato di non possedere sufficiente cinismo e sangue freddo per consegnare l’Italia e gli italiani alla ferocia dei burocrati dei signori franco-tedeschi che siedono sul trono di Bruxelles.
Abbandonati al loro destino dagli stessi che li avevano usati prima di gettarli in pasto alle iene della politica locale, ho paura che, purtroppo, li rimpiangeremo.


da: http://www.linkiesta.it/

Berlusconi e Renzi, così diversi e così uniti anche nella sconfitta

Il voto accomuna il destino di Berlusconi e Renzi. Sono loro ad aver perso le elezioni, senza attenuanti. Il primo surclassato dalla Lega, per la prima volta si scopre gregario. Il secondo vicino alle dimissioni. Da protagonisti a comparse: hanno sedotto gli italiani, oggi si scoprono senza voti