Due parole sulle ridicole affermazioni di Tito Boeri Di: Federico Sarti

“… il sig. Boeri evita astutamente di ricordare, é che l’immigrazione incontrollata ha un costo. Ed é un costo altissimo e che conosciamo molto bene poiché derivante dai documenti governativi…” F.Sarti

Due parole – doverose – sulle ridicole affermazioni del presidente Inps, Boeri, e la presunta emorragia di contributi in caso di limiti alla immigrazione.
Perché se é vero che certe affermazioni sono paradossali, é ancor più vero che non riuscire a controbattere coi numeri, invece che con gli slogan, é ancor più paradossale.
Innanzitutto, non é che chiudendo le frontiere domani, sparirebbero tutti i lavoratori stranieri in Italia.
Secondo: si vuole chiudere agli irregolari, non alla forza lavoro. E si vuole chiudere a certa immigrazione incontrollata proveniente dal continente africano, non all’intero globo.
Terzo: la cifra che racconta Boeri (una perdita netta di contributi di 38 miliardi) é relativa a ben 22 anni. In sostanza – anche ammettendo che avesse un senso e non lo ha – stiamo parlando di poco più di 1,5 miliardi l’anno: una sciocchezza per i conti pubblici.
Ma il punto più interessante, che il sig. Boeri evita astutamente di ricordare, é che l’immigrazione incontrollata ha un costo. Ed é un costo altissimo e che conosciamo molto bene poiché derivante dai documenti governativi: 6 miliardi l’anno é la cifra a completo carico dello Stato, derivante dalla complessa macchina del salvataggio e sistemazione di mezza Africa. Contributi europei? Poco più di 180 milioni l’anno….praticamente spiccioli.
Dunque, calcoli alla mano, la “macchina dell’accoglienza” proiettata sugli stessi 22 anni cui si riferiscono i (furbi) calcoli di Boeri, costerá 132 miliardi!
Direi ben più dei 38 miliardi di contributi, teoricamente, persi.
Ecco qua: smontata in tre parole, l’affermazione di uno che dice di rappresentare l’INPS.
E senza battute o slogan, ma solo con due numeretti.
Ogni tanto mi domando se i nostri politici abbiano fatto le elementari. Ma forse é chiedere troppo.


da: https://www.ilprimatonazionale.it

Boeri, l’Inps, gli immigrati e le pensioni: storia di una grande menzogna

Roma, 5 lug – Tito Boeri ci è ricascato. O meglio: in quella che sembra avere tutti i crismi di una lunga marcia di preparazione ad uno sbarco in politica nel campo radical-chic, il presidente dell’Inps non può che presentarsi con il miglior bagaglio del progressista medio. Su cosa puntare allora, se non sul tema degli immigrati? E perché non farlo da una posizione più che di rilievo, vale a dire la presidenza dell’Inps?

A leggerla, la sparata sembra di quelle grosse: secondo Boeri, chiudere nei prossimi anni le porte agli immigrati costerebbe all’istituto ben 38 miliardi di euro. Un salasso che porterebbe… Leggi articolo intero

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*