Archivio della categoria: Senza categoria

PIU’ TUTELE PER LA POLIZIA PENITENZIARIA Di: Giovanni Donzelli (FdI)

Interrogazione al ministro della Giustizia per risollevare il sistema penitenziario e per garantire maggiore sicurezza sia per gli utenti che per gli operatori del settore

Un’interrogazione al ministro della Giustizia “per chiedere di promuovere interventi, anche a carattere normativo, per risollevare il sistema penitenziario e per garantire maggiore sicurezza sia per gli utenti che per gli operatori del settore”.

L’ho presentata su indicazione del responsabile di Fratelli d’Italia e capogruppo in Regione Basilicata Gianni Rosa. L’Uspp di Basilicata ha denunciato numerosi casi di violenza perpetrati nelle carceri lucane: l’ultima aggressione ad opera di tre immigrati è avvenuta lo scorso 16 settembre.

Nell’interrogazione, si accoglie anche la proposta dell’Uspp di Basilicata per l’inserimento nella dotazione degli agenti della polizia penitenziaria del taser. “La violenza nelle carceri è un fenomeno in forte aumento ma il grido d’allarme della polizia penitenziaria è finora rimasto inascoltato. Personale che seppure ben preparato è sottodimensionato e impotente di fronte alle aggressioni dei detenuti che si fanno sempre più violente”, ha spiegato Rosa.

Fratelli d’Italia è da sempre al fianco di queste donne e uomini che, nonostante le condizioni disagevoli e spesso pericolose in cui sono costretti a lavorare, continuano a compiere il loro dovere.

LEGA: LA SENATRICE TIZIANA NISINI IN VISITA AL CARCERE DI PRATO Di: Lega Salvini Premier Prato

Patrizia Ovattoni, segretario provinciale della Lega: “La visita, insieme alla Senatrice Tiziana Nisini, è stata fatta con lo scopo di constatare le attuali condizioni degli operatori della Polizia Penitenziaria in servizio nella struttura carceraria”

A seguito dell’ennesima aggressione, da parte di detenuti verso operatori di Polizia Penitenziaria, consumatasi all’interno della Casa Circondariale di Prato – afferma Patrizia Ovattoni – abbiamo ritenuto opportuno, con una mia delegazione, recarci presso tale struttura insieme ad una nostra rappresentante parlamentare, la Senatrice Tiziana Nisini, per verificare personalmente le condizioni in cui opera il personale della penitenziaria e raccogliere le loro istanze.

Nel corso di questa visita – commenta la segretaria del Carroccio – sono emerse le forti difficoltà a cui sono sottoposti gli operatori di Polizia durante il servizio.

Tale personale – commentano Patrizia Ovattoni e Lorenzo Traettino, ispettore di Polizia Penitenziaria ed esponente leghista – non è dotato di strumenti adeguati per affrontare la complessa situazione presente all’interno della struttura carceraria che vede un costante sovraffollamento di detenuti, che per la maggioranza sono cittadini stranieri (circa il 55%), sezioni a celle aperte e un’evidente carenza di organico.

Spesso e volentieri i poliziotti – sottolinea Traettino – si trovano a dover fronteggiare, a mani nude, casi improvvisi di contenimento di detenuti, mettendo seriamente a rischio la propria incolumità fisica. Per questo – sottolinea l’ispettore – sarebbe di grande utilità per gli operatori avere in dotazione lo spray antiaggressione poiché è uno strumento dal rapido utilizzo, efficace per neutralizzare il soggetto senza provocargli danni permanenti ed evita eventuali ripercussioni a livello di legge nei confronti degli operatori stessi.

Tra le istanze avanzate dal personale di Polizia Penitenziaria – prosegue Traettino – oltre alla dotazione dello spray urticante, c’è la richiesta dell’adeguamento della pianta organica, dell’ammodernamento dei mezzi di trasporto (diversi dei quali oramai obsoleti) e del miglioramento degli strumenti di comunicazione per garantire i collegamenti tra gli operatori in servizio.

Inoltre sono state sollevate problematiche inerenti allo scadente servizio mensa e alla sussistenza di utensili da cucina vecchi, anche di vent’anni, i quali rappresentano un rischio per la salute.

Inoltre sono state sollevate problematiche inerenti allo scadente servizio mensa e alla sussistenza di utensili da cucina vecchi, anche di vent’anni, i quali rappresentano un rischio per la salute.

Tutte le condizioni riscontrate all’interno del carcere nonché le richieste effettuate dai poliziotti della penitenziaria – sottolinea Ovattoni – saranno portate dalla Senatrice Tiziana Nisini all’attenzione del Ministero della Giustizia, quale dicastero di competenza.

Infine – conclude Patrizia Ovattoni – ribadiamo che per noi viene prima la tutela del personale di Polizia Penitenziaria e che per garantire il buon funzionamento di un carcere ci vogliono sicurezza ed osservanza delle regole, elementi fondamentali se si vuol veramente parlare di un sistema rieducativo nei confronti di chi sbaglia.

Prato 19 settembre 2018

 

Segretario Provinciale LEGA

Patrizia Ovattoni

 

Via Fauli 40 – 59100 Prato

Tel: 340 1684719

E-mail: [email protected]                                                                                                                  

Mala tempora Belgiorno

Figura di merda! Si può dire su uno scritto? In giro si legge di peggio quindi si, si può dire. Anzi ci aggiungo anche una colossale figura di merda. Mi riferisco all’ultima vicenda che ha visto protagonista Claudio Belgiorno. Conosco Claudio, un ragazzo giovane e sveglio né migliore né peggiore di altri se guardiamo in globale. Glielo dissi subito che aveva scritto una cazzata e che anch’io fossi stata nei panni del comune non gliela avrei fatta passare liscia. Così è stato infatti. La figura di merda però non è tanto per la cazzata scritta che avrebbe potuto rimediare subito, ma per lo strascico e l’epilogo che non si addicono di certo a uno come lui, tutta passione e social. Un giovane yuppie come lui, con il mestiere che fa, dovrebbe conoscere le conseguenze di ciò che si scrive su Facebook. La figura di merda deriva proprio da questo contesto.
Fosse il male di quello, direte voi, sarebbe poco perché la gente tende a dimenticare. La gente si, la politica no. Claudio aveva ambizioni politiche molto alte con Fratelli d’Italia ma dopo questa figuraccia passa per un esaltato inaffidabile. Perché la merda puzza anche dopo molto tempo e lui avrebbe dovuto saperlo


Settembre è spettacolo, il Comune accetta la proposta di accordo di Claudio Belgiorno e ritira la querela

Settembre è spettacolo, il Comune accetta la proposta di accordo di Claudio Belgiorno e ritira la querela

L’accordo prevede un risarcimento, che sarà utilizzato per l’acquisto di attrezzatura ludica, e una pubblica lettera di scusa uscita su Notizie di Prato. L’amministrazione era stata accusata di aver compiuto atti mafiosi in relazione al festival di Settembre (Leggi articolo intero)

LA CONFERENZA DEI SERVIZI PER L’AEROPORTO DI FIRENZE È ILLEGITTIMA Di: associazione VAS Onlus

COMUNICATO STAMPA

ASSOCIAZIONE VAS Vita, Ambiente e Salute Onlus

Via delle Fonti, 251

59100 Prato (Po)

P/IVA – C.F.: 92090490480  – Iscrizione Onlus #36309 del 19/10/2012

Prato, 18 settembre 2018

La scorsa settimana è stato notificato a tutti i Ministri competenti un atto di intimazione e diffida per contestare l’illegittima attribuzioni delle funzioni di verifica delle ottemperanze della VIA all’Osservatorio Ambientale. Tale atto specifica in modo chiaro ed esaustivo l’escursus illegittimo del procedimento di VIA: il DM 377/2017 ed il successivo Decreto della Direzione Generale del MATTM 20/2018 hanno infatti attribuito compiti di ottemperanza ad organismi “NON abilitati dal quadro Normativo Vigente”. E’ stato perciò evidenziato come le avvenute ottemperanze asseverate dall’Osservatorio siano illegittime e quindi non possano essere validate all’interno della Conferenza dei Servizi, che a questo punto non può che essere revocata dal Ministero, per palesi illegittimità procedurali. A breve verranno comunicate anche le azioni messe in atto sulla pista attuale che -ribadiamo- NON è a norma di legge: ciò, specialmente dopo quanto accaduto a Genova, viste le omissioni dei controlli da parte degli organi preposti anche in questa sede, dovrebbe preoccupare seriamente chi se ne è reso responsabile.


Il SISTEMA BASTARDO delle élites Di: Giacomo Fiaschi

“Il termine élite definisce un insieme di persone considerate le più colte e autorevoli in un determinato gruppo sociale, dotate quindi di maggiore prestigio, che nella sociologia di Pareto sono gli individui più capaci in ogni ramo dell’attività umana.” (Wikipedia)

Io non sono contro le élites per principio. Trovo, anzi, che corrispondano ad un fenomeno naturale e che, poste determinate condizioni, rappresentino una delle più importanti risorse per una nazione.
Le condizioni principali, secondo me sono le seguenti:
1) che riconoscano il primato delle cosiddette “virtù cardinali” universalmente riconosciute già in epoca precristiana, ovvero prudenza, giustizia, fortezza e temperanza, e che abbiano capacità di autogoverno serio sotto questo aspetto;
2) che siano sempre attente e pronte ad intervenire in modo tempestivo e puntuale per ridurre al massimo gli effetti prodotti dalle disparità sociali, che sono un fenomeno inevitabile ma che deve sempre essere moderato per evitare il rischio di conflitti eccessivi;
3) che siano sempre riconosciute e legittimate da un voto libero e democratico;
4) che non abusino mai del potere conferito loro dal popolo per favorire gli interessi di una persona o di una azienda a svantaggio del bene comune.
Nell’antichità queste élites erano rappresentate dai cosiddetti “nobili”, ai quali il monarca conferiva poteri di governo sul territorio, poteri che erano più o meno estesi a seconda del grado di nobiltà (barone, conte, marchese, duca, principe…).
Nelle repubbliche democratiche questi poteri vengono conferiti agli eletti dal popolo che, con il libero voto, elegge quella che una volta si chiamava “nobiltà” e che oggi si chiama “classe dirigente”. Le differenze sono molte. Le più importanti sono due:
1) le élites non sono “nominate” ma “elette” dal popolo
2) l’appartenenza ad una élite non è trasmissibile per eredità.
Oggi viviamo in un sistema bastardo, che cerca di tenere insieme alla meno peggio le caratteristiche dei vecchi regimi con quelle di una repubblica democratica.
In pratica siamo in balìa del caso. Se la classe dirigente è composta di persone perbene allora le cose vanno avanti, ma se la classe dirigente è corrotta dalla presenza di delinquenti, allora succede che questa classe dirigente, queste élites, non accetteranno mai il verdetto degli elettori e faranno di tutto per imporsi anche quando il popolo sceglie persone diverse da loro.
Ed è esattamente quello che sta accadendo oggi in Italia e nella Unione Europea, la cui èlite o classe dirigente che dir si voglia è composta da personaggi non eletti democraticamente, ma nominati da governi tenuti sotto scacco dai cosiddetti “investitori” ovvero aziende finanziarie multinazionali che raccattano danaro dovunque, riciclando, ove necessario, quello derivante da attività illecite (come provano le continue inchieste giudiziarie a loro carico).
Questi individui graditi e sostenuti dai cosiddetti “poteri forti” che ci vogliono far credere che rappresentino i risparmi di onesti cittadini ma che in realtà impiegano “fondi sovrani” spesso di dubbia natura, non ci stanno al gioco democratico e sono scesi sul piede di guerra contro l’Italia perché ha osato mandare al governo gente che ha cominciato a mettere in discussione la loro intoccabilità.
Ecco la ragione per cui Moscovici e Draghi si sono avventati contro il governo Conte.
Ed ecco perché io e tanti altri che, come me, sono gente comune, lo sosteniamo, almeno fino a quando dimostrerà di difendere l’Italia dalle grinfie di queste élites.

LEGA PRATESE IN CRESCITA E SEMPRE PIU’ ATTIVA – Sabato inziativa con distribuzione spray orticante

LEGA PRATESE IN CRESCITA E SEMPRE PIU’ ATTIVA

MATTEO SALVINI CIRCONDATO DA CITTADINI.(foto vesna jovanov – 2015)

“La segretaria provinciale della Lega, Patrizia Ovattoni, annuncia un nuovo ingresso all’interno del Carroccio pratese”.

         Il consigliere comunale di Montemurlo, Lorenzo Traettino, eletto nelle liste di Forza Italia – dichiara Patrizia Ovattoni – ha ufficializzato, in questi giorni, il passaggio alla Lega di Salvini.

         Da oggi – afferma la segretaria del Carroccio – avremo nel Comune di Montemurlo un consigliere comunale che porterà avanti la linea politica del nostro movimento sul territorio in previsione delle prossime amministrative che si terranno in diversi comuni della provincia.

         “La mia decisione di passare nella Lega nasce dalla grande sensibilità dimostrata dal leader, Matteo Salvini, verso le Forze dell’Ordine e le tematiche relative alla sicurezza” – dichiara il nuovo leghista Traettino il quale, nella sua vita professionale, è Ispettore Capo di Polizia Penitenziaria.

         Nell’occasione – afferma la segretaria della Lega – informiamo che, a seguito dell’episodio di inaudita violenza perpetrato da un detenuto extracomunitario, presso il carcere pratese de La Dogaia, ai danni di 4 poliziotti penitenziari, mi sono attivata tempestivamente con il Senatore Manuel Vescovi per effettuare una visita all’interno della Casa Circondariale che si terrà lunedì 17 settembre. Con la nostra visita – continua Ovattoni – oltre a portare la piena solidarietà per quanto accaduto, raccoglieremo le istanze del personale di polizia penitenziaria.

         Saranno presenti alla vista, la segretaria provinciale Patrizia Ovattoni e il Senatore Manuel Vescovi con una delegazione del dipartimento sicurezza locale del partito.

Prato 12 settembre 2018

Segretario Provinciale

LEGA – Patrizia Ovattoni


SPRAY ANTIAGGRESSIONE: LA LEGA LO DONERÀ ALLE DONNE SABATO 15 SETTEMBRE

 

Patrizia Ovattoni, segretario provinciale della Lega: “Per noi questa importante iniziativa rappresenta un punto di partenza verso la lotta contro la violenza di genere”

Sabato 15 settembre, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00 – annuncia Patrizia Ovattoni – saremo presenti in Piazza del Comune con un gazebo contro la violenza di genere, durante il quale le donne che verranno a farci visita saranno omaggiate dello spray antiaggressone. Precisiamo – prosegue la segretaria – che per la consegna dello spray verrà richiesto un documento valido di riconoscimento poiché la vigente normativa prevede che tale strumento non può essere dato ai minori di 16 anni.

Nel corso di questa iniziativa – sottolinea la segretaria del Carroccio – oltre a donare lo spray al peperoncino verranno fornite, dal nostro responsabile alla sicurezza nonché Istruttore Police Spray O.C., informazioni sull’utilità e l’utilizzo di questo valido strumento di autodifesa.

Lo spray antiaggressione – afferma l’esponente leghista – è considerato una tra le migliori tecniche di autodifesa come peraltro è stato dimostrato in molteplici casi di aggressione verso le donne.

La difesa è sempre legittima e chi aggredisce e non ha rispetto delle persone e delle regole – puntualizza la leader del Carroccio – deve sapere che può incontrare sulla propria strada una ‘vittima’ capace di difendersi.

Mediante questa iniziativa intendiamo segnare un punto di partenza verso la battaglia contro la violenza di genere in quanto – conclude Ovattoni – la tutela delle donne rappresenta un tema che abbiamo molto a cuore e per il quale intendiamo batterci in modo risoluto e concreto.

Prato 13 settembre 2018

Segretario Provinciale LEGA

Patrizia Ovattoni 

EVASIONE FISCALE/ SCONCERTANTI le DICHIARAZIONI DELL’ASSESSORE FALTONI Di: Aldo Milone

“… Attribuisce meriti a questa Amministrazione comunale in maniera vergognosa…” A.Milone

NESSUNO E’ PIU’ SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE. MONIA FALTONI.

È veramente sconcertante leggere le dichiarazioni dell’assessore al bilancio Monia Faltoni sul recupero dell’evasione fiscale da parte del Comune. Attribuisce meriti a questa Amministrazione comunale in maniera vergognosa. Innanzitutto il nucleo antievasione fu costituito dalla giunta Cenni e operava sotto il mio assessorato. Già alla fine del 2013 facemmo un primo bilancio dei soldi che dovevano essere incassati dal Comune dopo 3 anni dalla costituzione del predetto nucleo. L’incasso doveva aggirarsi intorno ai 3 milioni di euro. Apro una breve parentesi, fosse stata per questa Amministrazione comunale questo nucleo non sarebbe mai sorto. Tra l’altro noto anche una mancanza di conoscenza da parte della Faltoni circa i procedimenti di accertamento fiscale posti in essere dall’Agenzia delle Entrate e i successivi pagamenti. Un accertamento solitamente dura dei mesi e i pagamenti da parte di chi evade in genere, visto che si tratta di cifre considerevoli, vengono rateizzai trimestralmente. Ovvero, per essere più chiaro, una rata ogni 3 mesi e le rate, soprattutto per somme di migliaia di euro, hanno anche una durata di anni. Questa storiella somiglia in un certo senso ai vigili di quartiere. Dopo 4 anni Biffoni si è accorto che non poteva rimettere i vigili nei quartieri per carenza di personale venendo meno alla sua promessa in campagna elettorale. In conclusione sarebbe il caso che questa Amministrazione comunale la smetta di attribuirsi meriti che spettano ad altri e Biffoni faccia ciò che ha promesso in campagna elettorale, come la reintroduzione dei vigili di quartiere, invece, ripeto, di “rubare” il lavoro iniziato con molto sacrificio dalla giunta Cenni.

Aldo Milone, Capogruppo di Prato libera e sicura


da: http://www.notiziediprato.it/

Lotta all’evasione fiscale, nelle casse del Comune entrano oltre 750mila euro

Lotta all'evasione fiscale, nelle casse del Comune entrano oltre 750mila euro

Il Comune di Prato è al terzo posto in Italia per tributi erariali recuperati: dal 2012 ad oggi oltre 3 milioni sono arrivati dal governo grazie alle segnalazioni fatte dal Nucleo Antievasione, coordinato dalla polizia municipale.

Nuovo Aeroporto di FIRENZE – RUSPE IN AZIONE A PERETOLA Di: Assemblea per la Piana Contro le Nocività

“… 302Mila euro di scavi “investiti” come mezzo per forzare le procedure a proprio favore? Non sarebbe la prima volta ricordando le trivellazioni della scorsa estate contestate come abitanti. …” A.p.P.c.N.

Mentre i riflettori sono puntati sulla Conferenza dei Serivizi, aperta Venerdi 7 a Roma, nella piana scavano. Ancora ruspe, benne, reti e nastri sui terreni minacciati. Toscana Aeroporti affida i lavori con procedura d’urgenza il 5 di Settembre, 2 giorni prima della Conferenza. Perchè tanta fretta ? E’ forse un ennesimo tentativo di condizionare le scelte politiche ? Il dubbio è più che legittimo visto lo spregio di norme e regolamenti  grazie a cui continua a lavorare l’aeroporto attuale.

302Mila euro di scavi “investiti” come mezzo per forzare le procedure a proprio favore? Non sarebbe la prima volta ricordando le trivellazioni della scorsa estate contestate come abitanti.

 

Sono state aperte diverse trincee nella zona dell’Oasi della Querciola, del sovrappasso autostradale e altre località con l’obiettivo dichiarato di esguire :

“saggi archeologici, servizio di pulizia superficiale taglio vegetazione, bonifica da ordigni esplosivi residuati bellici”

 

E’ urgente e importante condividere queste informazioni nella consapevolezza che la difesa dell’ambiente e delle risorse collettive passa anche dalla sorveglianza popolare sui territori, dalla circolazione delle informazioni e dalle relazione tra gli abitanti.

Hanno scavato e scaveranno ancora. Troveranno resti dell’antica CAMARS etrusca ? insediamenti della civiltà Villanoviana ? mura romane ? chissà…
Quello che non troveranno è la nostra rassegnazione ai loro progetti di cemento, speculazione, devastazione ambientale e precarietà travestita da lavoro sicuro.
Il futuro di Firenze e della sua area metropolitana non passa dalla costruzione di un nuovo Aeroporto Intercontinentale ma dalla realizzazione del Parco Agricolo della Piana per difendere l’ambiente, sviluppare nuove economie sostenibili, rivitalizzare le relazioni sociali tra gli abitanti. 
Abbiamo già cominciato!
Lunedi 10 Set. 21.15  Assemblea al Presidio
Inceneritore e Aeroporto; stessi nemici stessa fine!
Tocca a Tutt* noi

( Assemblea per la Piana contro le nocività )

Il NUOVO AEROPORTO DI FIRENZE è INSOSTENIBILE SENZA AIUTI DI STATO Di: Coordinamento Comitati della Piana

“… ci domandiamo perché in Commissione Trasporti della Camera, il Presidente Riggio disse “ VERBALIZZANDO” che gli Aiuti di Stato non erano possibili e che pure i 50M di Euro previsti dallo Sblocca Italia (http://webtv.camera.it/evento/8090) erano per opere ancillarie esterne all’Aeroporto ?? …” C.C.P.

L’Aeroporto di Peretola

http://www.tvprato.it/2018/09/il-governo-conte-rimette-in-discussione-lampliamento-di-peretola-da-rivedere-lintero-piano-nazionale-degli-aeroporti/

Vorremmo sommessamente far notare che nelle nostre assemblee informative dirette al pubblico, abbiamo sempre detto come il PNA Piani Nazionale Aeroporti NON rispettava il Regolamento UE/1315 TENT e le disposizioni in GU UE 99/3 C del 4/4/14.   Firenze è un aeroporto Comprehensive e non Core per di più le analisi andavano fatte sul singolo aeroporto anche se parte di aggregazioni, esattamente il contrario di cosa è stato fatto per Firenze. Stessa cosa per la “catchment area” NON rispettata, che impedisce la costruzione di un Nuovo Aeroporto di quella portata. Infatti pure ENAC che comincia a svegliarsi oggi, non ha potuto rispondere sullo stesso quesito formulato dai nostri tecnici durante la Commissione presso il Comune di Sesto Fiorentino.

Esemplare è pure la questione dei finanziamenti pubblici previsti dal Masterplan dove in Commissione a Sesto, è stato riconfermato da ENAC che il 40% sarà a carico del Pubblico, come per altro è stato firmato sui documenti presentati nel procedimento VIA confermando che con tali aiuti esiste la sostenibilità economico finanziaria dell’opera. Anche nell’ultimo Verbale dell’assemblea dei soci di Toscana Aeroporti si legge, che senza gli aiuti di stato il progetto non sarebbe economicamente …….. sostenibile.

Allora ci domandiamo perché in Commissione Trasporti della Camera, il Presidente Riggio disse “ VERBALIZZANDO” che gli Aiuti di Stato non erano possibili e che pure i 50M di Euro previsti dallo Sblocca Italia (http://webtv.camera.it/evento/8090) erano per opere ancillarie esterne all’Aeroporto ?? Semplicemente perché le due lettere allegate lo vietano.!!

Sull’Osservatorio poi qualcuno dovrà rispondere per illegittima attribuzione di competenze, infatti  i compiti di verifica Ottemperanza spettano in base alla legge 152/2006 ancora vigente, esclusivamente alla Commissione Nazionale di VIA, mentre a nostro modesto avviso lo stesso “Osservatorio” non ha tutti i requisiti professionali necessari per adempiere a tale compito.

Aggiungiamo che le 3 Università coinvolte per “ammansire le prescrizioni” … per stessa richiesta e quindi ammissione di ENAC alla Commissione Nazionale di VIA nell’intento di rivedere il parere 2235,  “””NON sono soggetti ABILITATI DAL QUADRO NORMATIVO VIGENTE.!!””  basta leggere gli atti.!!

Di conseguenza solo il technical panel per la Safety dell’EASA di Colonia,

è abilitato dal quadro normativo che si è oggi creato, per dirimere definitivamente tutte le controversie tecniche sulla sicurezza volo dei terzi sorvolati e trasportati.

Sicurezza volo e problemi ambientali che sono stati notificati ieri alla stessa EASA ed alla Commissione UE per l’attuale pista di Firenze, che secondo il nostro parere NON è a Norma di Legge.

D’altra parte alle domande TECNICO AMBIENTALI fino ad oggi formulate NESSUNO ci ha mai risposto e/o ha avuto il coraggio di farlo, (in forma tecnica, quindi leggi e regolamenti alla mano) quindi prendiamo atto che le nostre valutazioni sono corrette e pertanto ribadiamo che l’attuale aeroporto NON è a norma di legge.

Coordinamento Comitati per la Salute della Piana di Prato e Pistoia
www.pianasana.org


ENAC SU AEROPORTO DI FIRENZE – COMUNICATO STAMPA N. 56/2018

CONFERENZA SERVIZI NON PREGIUDICA DECISIONI DI NATURA POLITICA

L’ENAC informa che venerdì 7 settembre si terrà la prima riunione della Conferenza dei servizi indetta per esaminare il Masterplan dell’Aeroporto di Firenze, nel cui ambito verrà discusso il rilascio della conformità urbanistica. L’avvio dei lavori della Conferenza non pregiudica né anticipa in alcun modo le decisioni di natura politica rispetto alla realizzazione dell’opera. Risulta, anzi, in corso da parte del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti una riflessione circa la rilevanza dell’infrastruttura, cui è collegata l’attivazione di una project review. In questo senso la riunione che si terrà il 7 settembre avvierà un percorso lungo e complesso che si articolerà anche approfondendo le istanze dei portatori dei vari interessi implicati. In tale contesto, tenuto conto che il potenziamento dell’infrastruttura è finanziato in parte dai contributi pubblici, d’intesa con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e ferme restando le valutazioni da effettuare circa la compatibilità comunitaria, a maggior garanzia, ancorché non previsto dalla norma, il Masterplan sarà inviato anche al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, per acquisirne il parere tecnico, a cui l’ENAC assicurerà la massima collaborazione. Più in generale, il Mit ha manifestato anche l’intenzione di rivalutare lo scenario della rete aeroportuale italiana disegnato dall’attuale Piano Nazionale degli Aeroporti, approvato con DPR nel 2015, e che individua i sistemi aeroportuali e gli aeroporti di interesse nazionale. Al riguardo, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile presterà, come al solito, la massima collaborazione all’Autorità politica, mettendo a disposizione tutte le proprie competenze tecniche, al fine di garantire al Paese un piano di sviluppo del trasporto aereo in linea con le prospettive sempre crescenti del settore aeronautico.

Roma, 5 settembre 2018