Archivio dell'autore: pratonelmondointernal

Mani gialle sulla città Di: Aldo Milone

A questo punto possiamo mutuare il titolo di un famoso film di Francesco Rosi ” Mani sulla città” in “Mani gialle sulla città”. Se continuiamo a sottovalutare questo situazione, quasi strisciante, rischiamo di fare la fine di qualche Paese africano le cui attività commercialiu e industriali sono già nelle mani della Cina.  


Ho letto che la Procura della Repubblica di Prato sta svolgendo indagini sulle ben note buonuscite di qualche centinaio di migliaia di euro che gli immobiliaristi pretendono dai cinesi per subentrare in attività commerciali gestite da pratesi. Voglio far notare che questo sistema è in vigore da diversi anni, almeno che io sappia. Infatti negli scorsi in più occasioni ho avuto modo di sentire che questo era un sistema diffuso soprattutto per quanto riguarda gli immobili situati nel Macrolotto1. Si parlava di cifre che raggiungevano o superavano anche i 200.000 euro. Ovviamente queste somme erano tutte “al nero” e bene fa la magistratura a indaga e colpire chi incassava o incassa queste consistenti somme di denaro. Però è necessario che queste indagini colpiscano anche chi paga o pagava, ovvero il cittadino cinese. Ricordo bene che circolava una storiella che metteva in evidenza il cinese con una valigetta piena di soldi. Come ho detto, è necessario capire da dove provengono questi soldi visto che le varie indagini fiscali sul conto di imprenditori cinesi hanno quasi sempre evidenziato una grossa evasione fiscale e uno sfruttamento di clandestini. Inoltre è notizia recente del subentro, sempre di un cittadino orientale, nella gestione di un hotel storico del centro e non è l’unico. Cos’ come l’acquisizione di diversi esercizi commerciali e strutture alberghiere a Prato e provincia. Credo e ritengo che sia giunto il momento di fare chiarezza e piena luce sulle tante acquisizioni di attività commerciali in città da parte dei nostri concittadini cinesi. Non vorrei utilizzare il titolo di un famoso film di un grande regista del passato, Francesco Rosi, “Mani sulla città”. Questo titolo si può mutuare con “Mani gialle sulla città”. Ritengo che si stia sottovalutando questo aspetto e non vorrei che Prato rischi di diventare come alcune nazioni africane diventate quase delle province cinesi. Per ora ho visto che gli unici sequestri e confisca di beni immobili è stato fatto a cittadini italiani, legati a organizzazioni mafiose. La domanda che mi pongo è questa: chi evade, chi sfrutta i clandestini e i lavoratori al nero, non sono anch’essi dei mafiosi? I loro guadagni non sono altrettanto illegali come quelli delle organizzazioni mafiose?

Aldo Milone
Capogruppo Pls

PRATO, il FLASH-MOB che FA TREMARE I POLSI A ERDOGAN Di: Sergio Castignani

“…finchè una nazione sarà divisa in tanti greggi e altrettanti pascoli non sarà possibile risorgere,questa è l’Italia…” S. Castignani

“PRATO MUORE E LORO GIOCANO.” Massimo Cecchi, 26/03/2015

Facile dire che ci sono dei problemi,ma lo scopo della politica non è affermare ciò che ogni cittadino può vedere o sbandierare soluzioni fantasiose,magari accompagnate da provvedimenti ridicoli,ma risolverli o arginarli per quanto è possibile,ma finchè una nazione sarà divisa in tanti greggi e altrettanti pascoli non sarà possibile risorgere,questa è l’Italia…e per gli amanti del:Gli avete votati!I pascoli sono da sinistra a destra,ben alternati al governo mangiatoia,nessuno escluso,il pastorello,piccolo o grande che sia foraggia per quel che può…solo quando il foraggio verrà a mancare inizieremo a costruire un popolo…di affamati e pertanto motivati.

Dopo le dichiarazioni del vicesindaco,per conto dell’amministrazione comunale…e del flash mob in programma.Erdogan se la starà facendo addosso dalla paura…


da: http://www.tvprato.it

Gabriele del Grande, appello del Comune per la sua liberazione

20 aprile 2017

Oggi pomeriggio, in apertura della seduta del consiglio comunale, il vice sindaco e assessore alle Politiche per la cittadinanza Simone Faggi ha ricordato la vicenda di Gabriele Del Grande, il giornalista e blogger toscano detenuto da giorni in Turchia. Alle 19 in piazza del Comune si terrà un flash mob, organizzato dall’associazione Meltin-Po… (Leggi articolo intero)

TOSCANA/ ORDINATI 10 milioni di FARMACI INDESIDERATI Di: Giovanni Donzelli (FdI)

“… Ho presentato un’interrogazione in Consiglio regionale per chiedere se l’errore poteva essere risolto prima dell’invio dei medicinali e che in modo la Regione intenda intervenire affinché non siano spesi inutilmente 7 milioni di euro di soldi pubblici…” Giovanni Donzelli, Consigliere Regionale Fratelli d’Italia/AN

ROSSI, “A VOLTE RIMANGONO”. Così il potere si fa incontrastato e autoritario..

da: http://giovannidonzelli.blogspot.it

E’ di oggi la notizia, data dal quotidiano La Repubblica, secondo cui l’Estar (l’ente che si occupa di acquisti per la sanità) avrebbe dovuto ordinare 90 confezioni di sofosbuvir (nome commerciale Sovaldi), molecola per il trattamento e la cura dell’epatite C, ma, per un errore di inserimento nel sistema informatico, ne ha ordinate 720.
A causa di questo ordine sbagliato la Regione Toscana si ritroverebbe a dover sostenere un costo di circa 7 milioni superiore a quello che avrebbe dovuto sostenere.

Ho presentato un’interrogazione in Consiglio regionale per chiedere se l’errore poteva essere risolto prima dell’invio dei medicinali e che in modo la Regione intenda intervenire affinché non siano spesi inutilmente 7 milioni di euro di soldi pubblici.

QUI DI SEGUITO IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE

Firenze, 19 aprile 2017

Alla c.a. del Presidente del Consiglio Regionale

SEDE

Interrogazione a risposta orale

(Ai sensi dell’art. 170 del regolamento interno)

Oggetto: ERRORE ORDINE MEDICINALI ESTAR

Il sottoscritto consigliere

Visto:

– che, come si apprende a mezzo stampa, l’Estar avrebbe dovuto ordinare 90 confezioni di sofosbuvir (nome commerciale Sovaldi), molecola per il trattamento e la cura dell’epatite C, ma, per un errore di inserimento nel sistema informatico, ne ha ordinate 720.

Considerato:

– che il farmaco in questione sarebbe poco utilizzato poiché è stato sostituito da farmaci più nuovi e a prezzi più bassi;

– che, a causa del suddetto ordine sbagliato la Regione Toscana si ritroverebbe a dover sostenere un costo di circa 7 milioni superiore a quello che avrebbe dovuto sostenere.

Visto:

– che la Gilead, produttrice del farmaco, pare avesse segnalato l’anomalia ad Estar ma la mail sarebbe arrivata a un indirizzo sbagliato e, non avendo ricevuto una risposta l’azienda avrebbe inviato i medicinali richiesti, per i quali ora pretende il pagamento.

Interroga il Presidente della Regione per conoscere:

– in che modo intenda intervenire per accertare le responsabilità dell’accaduto;

– se l’errore poteva essere evitato o poteva essere risolto prima dell’invio dei medicinali;

– in che modo intenda intervenire affinché non siano spesi inutilmente 7 milioni di euro di risorse pubbliche.

Cons. Giovanni Donzelli

Speculatori, usurai e banche tedesche si son messi al sicuro Di: Vittorio Lana

“… Anche i profani arrivano a capire che il possesso di titoli tossici compresi quelli del debito sovrano di Paesi rischio default come Grecia, Portogallo, Irlanda hanno riguardato le turbolenze del mercato finanziario speculativo, mentre l’esposizione delle banche discende dalla massa di crediti inesigibili erogati a imprese e famiglie entrate in difficolta economiche per effetto della globalizzazione e crisi monetaria (introduzione €)…” V. Lana

L’Europa e gli USA hanno consentito la riunificazione della Germania in chiave politico-militare anti URSS, accordando ai Tedeschi aiuti economici stratosferici.
Più recentemente la Germania ha potuto risanare il proprio sistema bancario ammortizzando la spaventosa massa di titoli tossici in possesso delle loro banche comprese quelle dei Land, a spese dell’UE (ne avevano per € 73 mila mld, la Francia 27, l’Italia 4) per imporre poi, in piena crisi economica, ai Paesi partner, il varo delle famigerate direttive sul bail-in di salvataggio interno, solo a spese dei risparmiatori obbligazionisti ed azionisti.
Anche i profani arrivano a capire che il possesso di titoli tossici compresi quelli del debito sovrano di Paesi rischio default come Grecia, Portogallo, Irlanda hanno riguardato le turbolenze del mercato finanziario speculativo, mentre l’esposizione delle banche discende dalla massa di crediti inesigibili erogati a imprese e famiglie entrate in difficolta economiche per effetto della globalizzazione e crisi monetaria (introduzione €).
In soldoni: i finanzieri, speculatori, usurai e le banche tedesche si son messi al sicuro; le banche italiane e di altri Paesi partner potranno salvarsi solo col bail-in a spese dei cittadini depredati dei loro risparmi.
Questa non è né un’Unione, né una partnership, ma un patto leonino o, se preferite, una nuova bilancia di Brenno.
È da 2,5 millenni, che costoro, sono attirati dall’oro di Roma.


da: http://www.direttanews24.com

Frankfurter Allgemeine Zeitung: ”L’Italia va curata da noi tedeschi col pugno di ferro”

Aprile 18, 2017

BERLINO – La stampa italiana non ne parla, ma quella tedesca invece lo mette in prima pagina sul principale quotidiano di Germania, l’autorevole Frankfurter Allgemeine Zeitung: “E’ il momento di ripensare il rapporto coi politici italiani, così non si può continuare”.

Lo scrive oggi la Frankfurter Allgemeine Zeitung in un editoriale intitolato “L’egocentrismo italiano”, che…

In ITALIA è davvero MEGLIO ANDARE TUTTI A GIOCARE A CALCETTO Di: Cluadio Falcini

Per la serie LE PECORE VANNO TOSATE…..

Un mio cliente titolare di impresa edile, per un lavoro che ha preso in appalto e che lo terrà occupato per 6-8 mesi, vorrebbe impiegare due artigiani con partita iva, di cui conosce le capacità professionali…..onde evitare che, in caso di controllo ASL o Ispettorato del Lavoro, gli contestino un rapporto di lavoro subordinato mascherato da lavoro autonomo, gli ho consigliato di far sospendere la partita IVA ai due artigiani per il periodo in cui saranno da lui impiegati e di assumerli con contratto a termine come lavoratori dipendenti…….per l’ Agenzia delle Entrate (stranamente) la cosa è fattibile….per la Camera di Commercio (dove sono iscritti all’ Albo Artigiani) assolutamente NO!!….Non è prevista nessuna sospensione ma solo la cancellazione …per cui una volta ripresa l’ attività in proprio dovrebbero re-iscriversi da capo pagando tutto quello che c’ è da pagare……..quindi alla fine, la situazione Kafkiana è la seguente….se questa persona impiega i due artigiani per 8 mesi continuativi, in caso di controllo di ASL o Ispettorato, è sanzione certa (e si parla di qualche migliaio di euro) se volesse assumerli temporaneamente non può farlo perchè, terminato il rapporto di lavoro, le spese che i due dovrebbero sostenere per riaprire la partita iva sarebbero eccessive…..in mezzo a tutto questo ci sono io….che come responsabile della sicurezza dovrei dire a queste persone di non lavorare…….ho un’ idea però…..e se gli consigliassi di andare a giocare a calcetto????

L’ex Premier Renzi ed il Ministro Padoan: secondo loro ci sarebbe “la ripresa”
(immagine da: www.leggioggi.it)

Per inciso, molte ASL considerano le ATI [Associazioni Temporanee d’Impresa, n.d.r.] fuorilegge.. a Pistoia diversi miei colleghi si sono visti partire delle segnalazioni in Procura per aver gstito cantieri con la presenza di ATI..

…pare possibile che nel 2017 con questa crisi che ha dilaniato tutti i settori ed in primis l’edilizia, per poter lavorare onestamente si debba ricorrere ad un consulente per paura di essere sanzionati? Io credo che siamo ormai passati alla fase del delirio.. …spero duri poco…

Ogni scarrafone è bell ‘a mamma soja Di: Aldo Milone

“… alcuni giorni fa abbiamo anche scoperto che secondo la giunta Biffoni, dando in locazione gratuita per alcuni mesi alcuni fondi di una strada del centro, si risolve il problema sicurezza nel centro storico. Con questa affermazione emerge in maniera chiara e inequivocabile l’incompetenza di questa giunta a gestire un problema come la sicurezza molto sentito tra i pratesi…” A. Milone, Prato Libera e Sicura

Altri 8500 profughi negli ultimi 3 giorni e altri ne arriveranno. Questo Governo annunciava rimpatri e centri di identificazione in ogni Regione. Per ora si vedono solo sbarchi. Questa a me sembra una vera invasione. Tra l’altro questa accoglienza costa circa 4,5 miliardi di euro all’anno.

E se da un lato si spende per accogliere richiedenti asilo, dall’altro poco o nulla si fa per recuperare l’ingente evasione delle aziende cinesi, delle quali adesso anche si legge che la Procura della Repubblica di Prato sta facendo indagini su chi ha preteso delle notevoli somme di denaro in nero, a titolo di buonuscita, da cittadini cinesi per lasciare loro l’immobile in modo tale da insediare il classico​ Pronto Moda. Queste modalità sono in vigore da anni a Prato. Ho sentito dire che venivano elargite somme fino a 200.000 euro. Mi auguro e spero che la Procura, oltre a indagare su chi ha incassato al nero tali somme, indaghi anche su chi ha pagato per capire da dove provengono quei soldi.

E pensare che alcuni giorni fa abbiamo anche scoperto che secondo la giunta Biffoni, dando in locazione gratuita per alcuni mesi alcuni fondi di una strada del centro, si risolve il problema sicurezza nel centro storico. Con questa affermazione emerge in maniera chiara e inequivocabile l’incompetenza di questa giunta a gestire un problema come la sicurezza molto sentito tra i pratesi.

Questo, checché ne dica il Sig.Renzi, che dopo la sua partecipazione alla maratonina di Prato, ha scritto un post sul suo profilo di fb affermando che Biffoni è uno dei migliori sindaci d’Italia. Non aggiungo nulla se non un noto proverbio napoletano, ripreso in una sua canzone dal compianto Pino Daniele. ” Ogni scarrafone è bell ‘a mamma soja”.

Un popolo che non esiste Di: Sergio Castignani

 “..In questi giorni il nostro governo solennemente ha dichiarato l’inasprimento delle pene per chi non paga il biglietto sui mezzi pubblici, parcheggiatori abusivi, per chi crea degrado ecc…infine ha varato più poteri per i sindaci, il tutto è una grande, ennesima presa di culo per i cittadini, il perché è presto detto, il problema non erano le pene lievi, ma l’impunità che godevano i trasgressori..” S. Castignani

Un popolo degno di questo nome avrebbe già reagito con i bastoni, ai calci che i nostri politicanti ci tirano ogni giorno, l’esempio di popolo ce lo ha dato qualche tempo indietro proprio la Romania, i cittadini incazzati per una legge salva corrotti sono scesi in piazza e di fatto hanno obbligato il governo a ritirarla, invece noi, che di leggi salva qualcuno ne siamo pieni, da bravo gregge belante dormiamo sogni tranquilli, non sapendo cosa successe a tranquillo…

In questi giorni il nostro governo solennemente ha dichiarato l’inasprimento delle pene per chi non paga il biglietto sui mezzi pubblici, parcheggiatori abusivi, per chi crea degrado ecc…infine ha varato più poteri per i sindaci, il tutto è una grande, ennesima presa di culo per i cittadini, il perché è presto detto, il problema non erano le pene lievi, ma l’impunità che godevano i trasgressori, la solita impunità che godranno anche in futuro, in quanto le multe, le segnalazioni, gli accertamenti e i procedimenti erano una costante tutti i giorni, in tutte le città, senza nessun risultato e così sarà in seguito, chi non ha niente da perdere continuerà a non pagare e con i verbali e le multe ci si pulirà dove non ci batte il sole, in un paese dove non riusciamo ad allontanare dal nostro territorio assassini e terroristi come farà un sindaco ad allontanare i recidivi dalla città, questi si faranno delle sonore risate quando gli comunicheranno il provvedimento.

Purtroppo noi siamo un non popolo cresciuto nell’appartenenze e negli interessi economici di parte, da destra a sinistra, preferiamo le raccomandazioni ai diritti, questo ci porta ad accettare tutto quello che le parti di appartenenza ci propinano, prese di culo come questa, elezioni di indagati, condannati, corrotti, corruttori, progetti inutili e dannosi per la comunità, negli anni il tifo politico ha portato ad accettare la legge Gozzini, schengen, indulti, amnistie, governo Monti, legge Fornero, depenalizzazioni di reati importanti e svuota carceri, liberalizzazioni fasulle, svendita delle aziende statali di eccellenza agli amici, finanziamenti a fondo perduto agli amici degli amici, un Europa delle banche e dei banchieri, in ultimo, dopo aver salvato le banche e non i cittadini in difficoltà, il salvataggio, ancora una volta dell’Alitalia, potrei continuare per molto, ma penso di aver reso l’idea che non ci sono parti politiche al di sopra delle altre.

Forse un giorno ci sveglieremo dal torpore o forse verranno meno gli interessi, perché la politica non avrà più niente da dare in cambio, ma per adesso rimaniamo un gregge belante che si fruga tasca, da destra a sinistra.

Mi OSTINO A CREDERE NELLA POSSIBILITA’ DI RINSAVIRE DI MOLTI POLITICI DI: Giacomo Fiaschi

“… mi ostino, andando contro a qualsiasi ragionevole considerazione in proposito, a credere nella possibilità di rinsavire di molti politici i quali, se non fossero loro, sarebbero grand’uomini?..” G. Fiaschi

Renzi-Berlusconi, un’alleanza di fatto.. (Foto Roberto Monaldo/LaPresse)
27-04-2014 Roma
Politica
Trasmissione tv “In Mezz’ Ora”
Nella foto Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, sullo schermo, Silvio Berlusconi
Photo Roberto Monaldo / LaPresse
27-04-2014 Rome (Italy)
Tv program “In Mezz’ Ora”
In the photo Matteo Renzi

Sul significato di questa nostra vita, il cui esito -assolutamente prevedibile- quando va bene è solo drammatico, si sono interrogate generazioni di filosofi, scienziati, artisti e pensatori d’ogni genere.
La risposta definitiva a questo interrogativo, tuttavia, ce la potrebbe dare solo chi ha varcato una soglia oltre la quale non si torna indietro.
La fede cristiana si fonda proprio sulla Resurrezione del figlio del falegname di Nazareth, senza la quale, dice San Paolo, questa stessa fede sarebbe “vana”.
Da stramaledetto cattolico ci credo (a modo mio) anch’io. E in questi giorni mi preparo, come ogni anno, alla Pasqua con questo pensiero.
Sarà per questo che mi ostino, andando contro a qualsiasi ragionevole considerazione in proposito, a credere nella possibilità di rinsavire di molti politici i quali, se non fossero loro, sarebbero grand’uomini?

La buona politica intercetta le migliori istanze della società in ordine al bene comune. La cattiva politica non lo fa.
Poi c’è la politica che intercetta le migliori istanze dei poteri finanziari forti in ordine ai loro interessi privati.
Questa è la politica dei criminali che se, non è all’undici è a mezzogiorno, produce dolori, sofferenze e rivolte spesso sanguinose.
In Italia si sceglie la uno la due o la tre?
Allegria!

Siria, Trump: “Assad è un animale. Putin sostiene persona diabolica”

“… Trump dichiara che Putin sta appoggiando “una persona diabolica molto negativa per il genere umano”. Il presidente russo, invece, fa sapere che i rapporti fra Mosca e Washington sono “peggiorati” da quando Trump è stato eletto alla Casa Bianca…” di  Redazione 13 aprile 2017 http://blog.it/

Foto http://www.trend-online.com

Il presidente statunitense, Donald Trump, attacca Assad e la Russia. Durante un’intervista a Fox business network, il leader americano definisce il presidente della Siria “un animale” e critica l’appoggio datogli da Vladimir Putin. Nel frattempo, il segretario di Stato degli Usa, Rex Tillerson, sta incontrando a Mosca il ministro degli esteri russo, Serghei Lavrov.

Trump dichiara che Putin sta appoggiando “una persona diabolica molto negativa per il genere umano”. Il presidente russo, invece, fa sapere che i rapporti fra Mosca e Washington sono “peggiorati” da quando Trump è stato eletto alla Casa Bianca. Durante un’intervista rilasciata da Putin al canale Mir, il leader russo dice: “Possiamo dire che il livello di fiducia, sopratutto sul piano militare, non sia migliorato e anzi, con ogni probabilità, è peggiorato”. Riguardo l’attacco alla base aerea in Siria, di qualche giorno fai, dice che si è trattata di “una provocazione per creare i prerequisiti per esercitare pressioni sulle autorità siriane”.

Il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, sostiene che… (Leggi articolo intero)

SICUREZZA/ Ancora NESSUNA RISPOSTA alle PROPOSTE DEI CITTADINI Di: Salvo Ardita

“…vedremo cosa farà il gruppo PD su questa materia ( la sicurezza) dove mi sembra ci sia molta approssimazione a causa della quale la città soffre…” S.Ardita

“PRATO MUORE E LORO GIOCANO.” Massimo Cecchi, 26/03/2015

Stiamo aspettando gli atti di giunta ( delibera e formali risposte) che ancora non arrivano. Naturalmente visto che la maggioranza a Prato è composta da un solo partito ( PD) e l’assessore alla partecipazione ha rimesso gli atti al consiglio, vedremo cosa farà il gruppo PD su questa materia ( la sicurezza) dove mi sembra ci sia molta approssimazione a causa della quale la città soffre.
Intanto non possiamo sentirci assolutamente soddisfatti.. dire NO al nuovo Patto per Prato che poteva contemplare interventi sulle risorse umane e finanziare per fare regredire il crimine presente nel territorio, mi sembra una affermazione poco lungimirante, a dir poco! I consiglieri comunali, da tempo, hanno la documentazione . Vediamo se qualcosa accadrà…..ma qualcosa accadrà???


da: http://www.tvprato.it/

12 aprile 2017

Prato Partecipa, il Comune “boccia” le proposte sulla sicurezza. Sì alla riqualificazione dei luoghi: nasceranno due “case della partecipazione”

Si è concluso il percorso partecipativo partito un anno fa dall’iniziativa di alcuni cittadini che hanno messo nero su bianco le loro richieste all’amministrazione: riqualificazione dei luoghi, valorizzazione delle piste ciclabili, un nuovo patto per Prato. Il Comune ha dato ieri sera, di fronte ad una platea – a dir la verità – poco gremita, la sua risposta al forum di “Prato Partecipa”: molti suggerimenti sono condivisibili, hanno detto gli assessori Alessi e Mangani e il vicesindaco Faggi, ma sono per il momento irrealizzabili per mancanza di risorse: è il caso dell’operatore locale di prossimità, che forse sarà istituito con le prossime 8 assunzioni nella polizia municipale o forse no. Bocciate la maggior parte delle proposte in tema di sicurezza, compresa quella che prevedeva l’installazione di tornelli al Serraglio. “Non possiamo dirci soddisfatti… (Leggi articolo intero)