“…Biffoni dovrebbe dimettersi, come in aveva, con il suo gruppo al tempo all’opposizione… …La sinistra, o meglio ciò che è rimasto della sinistra non replica mai quando io affermo che gli uomini scelti per amministrate la città non ne hanno le capacità…” M. Cecchi

Prato_oggi

Prato-Parlare di sicurezza e legalità a Prato, oggi, è come parlare di corda in casa dell’impiccato. Meglio non farlo e il nostro Sindaco si attiene volentieri al silenzio. Biffoni parla di tutto, di Prato come una nuova Berlino, si inginocchia di fronte a chi di dovere per aver soldi per il suo fantasmagorico “Buco” che non potrà che esser nell’acqua, rifà piazze che forse potevano aspettare come quella del mercato nuovo ma si guarda bene di parlare di sicurezza, se non con proclami triti e ritriti sul suo lavoro per ripulire una strada in centro a Prato, una , solo una, non di più. Biffoni e la sua cricca si offendono quando parlo male di loro ma ricordo bene come questi figuri abbiano a suo tempo trattato Cenni e il suo assessore alla sicurezza quando il centro destra guidava Prato. Biffoni dovrebbe dimettersi, come in aveva, con il suo gruppo al tempo all’opposizione, più volte chiesto di fare a Milone. La sinistra, o meglio ciò che è rimasto della sinistra non replica mai quando io affermo che gli uomini scelti per amministrate la città non ne hanno le capacità. Non replicano ma ricattano, velatamente, sconclusionatamente, ma ricattano. Non hanno altre armi. Non quella della parola, sarebbero sommersi dalle falsità che oserebbero pronunciare, non sono mai pronti ad un dibattito aperto sui fatti, ne hanno profonda paura. E se un Sindaco ha paura non gli resta che una strada, unica, incontrovertibile, le dimissioni. Ma Biffoni cosa farebbe se non fosse Sindaco di Prato? Bella domanda, da girare agli elettori PD e ai cittadini pratesi, e anche quelli più di sinistra affermeranno che “Si stava meglio quando si stava peggio” A questo punto sfido chiunque a dimostrarmi il contrario, almeno dimostrerebbe di aver le palle per farlo. Il fatto non accadrà, come diceva Stella Allori, Biffoni si faccia spiegare chi era, nel PC di Prato mancano le palle e le palle non si inventano o si hanno o no, noi non ne abbiamo, abbiamo solo “coglioni”.

Massimo Cecchi, ON 13 MAGGIO 2015, BY


 


Denuncia i “caporali” che lo sfruttano: prima viene minacciato, poi investito con l’auto

L’incredibile vicenda ricostruita da procura e polizia: fermati i due uomini accusati di tentato omicidio. La vittima è tuttora ricoverata in ospedale. Lo scorso anno rimase vittima di un infortunio sul lavoro e fu abbandonato davanti al pronto soccorso.


Ketamina destinata a giovani italiani in feste private e locali: in manette un 30enne

Ketamina destinata a giovani italiani in feste private e locali: in manette un 30enne

I carabinieri hanno arrestato l’uomo, operaio in una ditta di Montemurlo. Di solito questo tipo di sostanza stupefacente è diffusa tra i giovani cinesi ma sta cominciando a circolare come sostituto della cocaina.


Giovane ubriaco sbanda e colpisce due auto in sosta

Giovane ubriaco sbanda e colpisce due auto in sosta

È successo all’alba di stamani in viale Montegrappa. Sul posto la polizia municipale che ha sottoposto il conducente all’alcol test. Per lui è scattata la sospensione della patente


Rapina l’outlet Piumi e scappa in bicicletta. La polizia ferma un sospetto

Rapina l'outlet Piumi e scappa in bicicletta. La polizia ferma un sospettoL’uomo ha minacciato la commessa del noto negozio di scarpe in via Machiavelli e poi è fuggito con l’incasso di oltre 400 euro. La donna ha riconosciuto l’uomo fermato dalla polizia


Palazzina per ospitare richiedenti asilo a Santa Lucia, ma i residenti non ci stanno

Stasera si terrà una riunione nei locali della parrocchia per illustrare il progetto gestito dalla Fondazione Santa Rita. L’immobile si trova in via De Amicis e potrà ospitare fino a 30 persone.