ALLAGAMENTI/Inconcepibile insistere con il progetto del TUNNEL al SOCCORSO Di: Aldo Milone

“… abbiamo già avuto un tragico precedente di un allagamento di un piccolo sottopasso come quello di via Ciulli che ha portato alla morte di 3 donne cinesi…. … Biffoni continua ad insistere e a portare a termine con tanta ostinazione quest’opera che rischia di creare più danni alla città piuttosto che benefici…” A. Milone

Dopo questi ormai frequenti temporali tropicali che portano spesso alla chiusura dei sottopassi, si spera che ci sia un ripensamento da parte di Biffoni per quanto riguarda la costruzione del tunnel al Soccorso.

Ieri pomeriggio appena ha piovuto con una certa insistenza per circa una mezz’ora, si è proceduto immediatamente alla chiusura di due sottopassi lunghi al massimo un centinaio di metri. E non è la prima volta che vengono chiusi perchè allagati. Queste piogge torrenziali sono il frutto di un clima tropicale che ormai è in pianta stabile in Italia. Tutto ciò dovrebbe portare ad un ripensamento anche per quanto riguarda la costruzione del tunnel al Soccorso che dovrebbe essere lungo circa 900 metri.

Eppure abbiamo già avuto un tragico precedente di un allagamento di un piccolo sottopasso come quello di via Ciulli che ha portato alla morte di 3 donne cinesi. Invece Biffoni continua ad insistere e a portare a termine con tanta ostinazione quest’opera che rischia di creare più danni alla città piuttosto che benefici.

Proviamo ad immaginare, nella migliore delle ipotesi, il traffico che porterà nelle vie adiacenti e in una parte della città la chiusura, ovviamente inevitabile, del tunnel in caso di pioggia torrenziale. E nella peggiore delle ipotesi? Forse sarebbe il caso di evitare di pensarlo perchè il tragico precedente del sottopasso di via Ciulli è già sufficiente e non si ha bisogno di una ripetizione. Bisogna solo sperare, visto che Biffoni è così testardo, che la ditta che procederà all’esecuzione vada incontro alle tante problematiche presenti nel sottosuolo e prospettate anche da qualche tecnico comunale o anche da qualche geologo.

Aldo Milone, ex assessore comunale