Dal PD SOLO FINTE sul CONTRASTO ILLEGALITA’ CINESE Di: Aldo Milone

“…Anche dopo il rapporto della DIA al Parlamento con cui Prato è maglia nera per le Slot e videolottery, strumenti attraverso i quali le mafie riciclano denaro e tra queste viene citata anche la mafia cinese, si vuole continuare a negare la presenza delle Triadi orientali sul nostro territorio o vogliamo considerare questo rapporto un fake news?…” A.Milone

VAI AVANTI………bIFFONI E GIACOMELLI A ROMA

Io non ho mai avuto dubbi sul fatto che il Pd facesse solo finta di combattere l’illegalità. Lo dimostra la sua presa di posizione sulla presenza della mafia cinese a Prato attraverso il suo parlamentare Giacomelli e i vertici locali (Bosi e Biffoni). Anche dopo il rapporto della DIA al Parlamento con cui Prato è maglia nera per le Slot e videolottery, strumenti attraverso i quali le mafie riciclano denaro e tra queste viene citata anche la mafia cinese, si vuole continuare a negare la presenza delle Triadi orientali sul nostro territorio o vogliamo considerare questo rapporto un fake news? Forse l’ultimo scontro alle Cascine di Tavola tra gang cinesi evidentemente per il Pd è stato soltanto una scaramuccia tra bambini che litigano tra loro. La stessa operazione della DIA di Firenze e della Squadra Mobile di Prato, e tutti abbiamo visto i video raccapricianti di minacce e scontri fisici, rappresenta forse una piccola lite tra famiglie e non episodi gravi tipici di un’organizzazione delinquenziale. Lo sapevo che appena la Magistratura giudicante e non inquirente avesse dichiarato che non esiste il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, lasciando però in piedi altre forme associative e altri reati, il Pd si sarebbe scatenato nel negare che non esiste mafia cinese a Prato. Però vorrei porgli una domanda: Tutta l’illegalità che viene prodotta dal distretto cinese a Prato da chi è diretta? E mai possibile che all’improvviso si presenti a Prato un cittadino orientale, che non conosce la lingua italiana, per impiantare una ditta e riesce a farlo senza alcun appoggio locale? Del resto il voler nascondere come gli struzzi la testa soto la sabbia è stata sempre una caratteristica del Pd che parte da lontano e che continuerà a far danni alla città. Ovviamente non sono bastati i 7 morti nel Teresa Moda e i vari scontri tra gang che si sono succeduti in questi anni. Il Pd sui temi della sicurezza e dell’illegalità si dimostra sempre di più contraddittorio non riuscendo mai a dare un’immagine chiara e a prendere una posizione forte su questi temi. Del resto il suo ondivagare su quest problemi  lo ha portato a subire una pesante sconfitta  nelle recenti elezioni amministrative e politiche.

Aldo Milone, Capogruppo di Pls

NUOVO AEROPORTO DI FIRENZE/ Il MASOCHISMO DEL PRESIDENTE ROSSI Di: Coordinamento Comitati della Piana

PERETOLA – Mettiamo I puntini sulle “i”:

SUA MAESTA’ ROSSI.

Presidente Rossi,

Lei insiste, evidentemente è un masochista;

Le hanno già detto dal Ministero che quello è un Nuovo Aeroporto e Lei continua a sparlare di una semplice qualificazione con un pista di orientamento differente, sono 2 cose ben diverse e differenti, anche proceduralmente.!!

Oggi dice ….

.

MA LEI LE CARTE PRIMA DI FIRMARLE, …. LE LEGGE ??

 

Lei conosce la differenza sostanziale fra un City Airport ed un AEROPORTO 4 D/E, perché se motiva questa richiesta per un modesto sviluppo con un aeroporto classificato come intercontinentale (si legga i regolamenti), considerando che l’attuale pista è utilizzata al 35% delle sue capacità operative, allora qualcuno potrebbe anche asserire che forse Lei è incompetente nel valutare tali differenze,

preso atto che il tutto LE E’ STATO AMPIAMENTE SPIEGATO E RELAZIONATO dal Generale Luciano Battisti, consulente aeronautico della Regione Toscana da Lei contrattualizzato, ma inascoltato perché il suo interesse era altro.

Quindi Le ripetiamo, la smetta di esternare castronerie (modesto sviluppo, qualificazione, city airport, sicurezza, preso atto che la Regione non ha ottemperato alle prescrizioni “precettive” del Decreto di VIA 0676/2003) se NON conosce bene gli atti e regolamenti, perché il suo Ruolo non le permette di fare queste figure da “dilettante allo sbaraglio”

Assessore Ceccarelli, Toscana Aeroporti NON può aver ricevuto i 50M di Euro,

che sarebbero illegittimi (per i 100M esiste solo una lettera di intenti firmata da Lupi), ora se Lei avesse notizie di assegnazione fondi, a questo punto dovrebbe andare in Procura perché ci sarebbe reato e senza denuncia Lei sarebbe correo ai sensi del cpp.

Se invece i 50M per l’Aeroporto non ci sono, visto quanto ha dichiarato Riggio alla Commissione Trasporti Camera, ALLORA LA SUA E’ UNA BELLA FAKE NEWS.!!

Ci dovremmo domandare invece, visto che il Collegamento su Pisa c’era e funzionava BENISSIMO, perché la Regione lo ha tolto, per l’INTERESSE DI CHI, mica si può dare colpa a Salvini e Di Maio !!

Della Valle, …certo che fa bene ad aspettare, guardi bene i progetti e li faccia valutare (Regolamento Costruzione ed Esercizio Aeroporti) da gente TERZA e non da ENAC, vedrà e dovrà prendere atto che lì il Nuovo Stadio non ci può stare, anche se noi le abbiamo notificato questa cosa da diverso anni oramai.

Confindustria, … sondaggio al 62% lo avevate già detto ed ora si ripete e risponsorizza il risultato, ma come è stato fatto il sondaggio, su quante persone, su quali domande, è stata inserita una SOLA domanda dove si poteva esprimere anche un NO, per esempio se fosse comunque ritenuto superfluo, sarebbe per lo sviluppo economico importante costruirlo ??

Merlini, …. premesso che dall’intervista si nota che la risposta NON è basata sulla conoscenza delle CARTE/DOCUMENTI IN QUESTIONE. La risposta è perfino banale;

Merlini …… ci spieghi perché se ciò che è stato approvato illegittimamente con forzature e variando le leggi vigenti, direttive UE, sentenze del Consiglio di Stato, NON PUO’ essere ricondotto alla legalità con le stesse modalità ed atti che ne hanno permesso l’illegittima approvazione. Quindi nuove leggi ad hoc.!! 

Oppure il Prof. Merlini ci vuole dire che quello che per legge è stato fatto anche se illegittimo NON si può, ma forse NON si deve correggere. ??

D’altra parte se 8 Regioni si sono rivolte alla Corte Costituzionale,… forse un piccolo fondamento di incostituzionalità sulle leggi che hanno permesso l’approvazione della seconda VIA, forse ci sarà ???

Perciò Prof. Merlini,…visto che Lei sa tutto, e che dice …. questi non sanno costa stanno facendo perché il Piano Nazionale Aeroporti dice (Strategici con unione economico finanziaria) le suggeriamo caldamente di leggere il Regolamento UE 1315 ed il Connesso Dispositivo UE 99 3-C del 4/4/14, dove Firenze è un aeroporto Comprehensive ( quindi non strategico) e dove si precisa che le valutazioni per

la classificazione aeroportuale, vanno fatte per singolo aeroporto ….anche se parte di aggregazioni aeroportuali (…. o forse Lei pensa che non siamo più in Europa?)

Con tutto il rispetto, Prof. Merlini, le suggeriamo di valutare bene la documentazione e non lasciarsi tirare per la giacchetta da chi ha interesse, perché rischia di fornire pareri incorretti e quindi a nostro avviso di dubbia valenza.


CONTROLLI CENTRI DI ACCOGLIENZA/ ESPOSTI della LEGA ALLE AUTORITÀ Di: Lega Nord Prato

Patrizia Ovattoni, segretario provinciale della Lega: “Ricevo con piacere la notizia dei sopralluoghi svolti da Procura, Digos e Asl in 9 centri di accoglienza a Prato, in quanto ritengo doveroso che, nei confronti dei cittadini contribuenti, venga fatta chiarezza sulla macchina dell’accoglienza”.

A suo tempo – afferma Patrizia Ovattoni – anche la Lega presentò diversi esposti in cui si chiedeva, alle autorità competenti, di effettuare precise verifiche relative a delle strutture di accoglienza ubicate nel territorio pratese.

Iniziativa intrapresa – continua l’esponente leghista – a seguito di svariate segnalazioni pervenuteci dai cittadini nonché di forti dubbi insorti sulla base di alcuni nostri riscontri.

Le segnalazioni dei cittadini di fatto – prosegue la segretaria del Carroccio – continuano a giungerci, recentemente un utente ci ha inviato delle foto (vedi allegato) in cui viene immortalato un migrante mentre dorme sul terrazzo, di una struttura di accoglienza, in condizioni degradanti e fatiscenti.

Inoltre in merito alle affermazioni del vicesindaco Faggi – conclude Ovattoni – il quale afferma testualmente che “Per quanto ci riguarda, sull’accoglienza Astir ha sempre lavorato con una modalità adeguata e professionale”, riteniamo che forse prima di parlare sarebbe opportuno attendere l’esito delle indagini in corso da parte della Procura, della Digos e dell’Asl; Organi competenti verso i quali nutriamo grande fiducia e rispetto.

Prato 17 luglio 2018

Segretario Provinciale LEGA

Patrizia Ovattoni

 

Don Biancalani, ASSISTENZA ED OMERTA’ Di: Aldo Milone

“… . La dichiarazione del sacerdote del resto non sarebbe neanche una novità assoluta anche perché da alcuni controlli effettuati dal gruppo interforze era già emersa la presenza di profughi in alcune aziende cinesi soprattutto in tintorie e stamperie….” A. Milone, Prato Libera e Sicura

Don Massimo Biancalani, parroco della parrocchia di Santa Maria Maggiore a Vicofaro, diocesi di Pistoia

Ieri sera sulla La7 il noto prete di Pistoia Don Biancalani, intervistato durante la trasmissione “In Onda”, ha dichiarato che una gran parte dei migranti, ospitati nella sua struttura, lavorano nel tessile a 2/3 euro all’ora tra Prato e Firenze soprattutto nel campo tessile da cinesi e italiani. Questa è una denuncia grave che il prete dovrebbe fare anche alle Forze di Polizia, spero però che queste ultime acquisiscano tale registrazione. La dichiarazione del sacerdote del resto non sarebbe neanche una novità assoluta anche perché da alcuni controlli effettuati dal gruppo interforze era già emersa la presenza di profughi in alcune aziende cinesi soprattutto in tintorie e stamperie. Questa che si sta delineando è una nuova frontiera costituita da nuovi “schiavi”. La gravità della situazione è anche il tacito assenso di un prete che è a conoscenza di tutto ciò e continua a tacere invece di denunciare il tutto alle Forze di Polizia anzi favorisce in maniera vergognosa lo sfruttamento di questi migranti. Per ritornare ai profughi che lavorano nelle aziende cinesi, questi in buona parte e soprattutto nelle aziende che lavorano prodotti pericolosi stanno sostituendo gli operai cinesi. Questa sostituzione dimostra ancora una volta che l’illegalità economica fa parte del DNA di una larghissima parte di pseudo imprenditori orientali.

Aldo Milone,  Capogruppo di Prato libera e sicura


Migranti: lo scontro tra Lucia Borgonzoni e Don Biancalani

GUADA IL VIDEO

Lo scontro in studio tra Lucia Borgonzoni  (Lega) e Don Massimo Biancalani, il prete che ha aperto la ‘Pizzeria del rifugiato’ a Pistoia. 


Migranti, lo scontro tra Borgonzoni e don Biancalani: “Questi ragazzi lavorano a tre euro l’ora”. “Ma lei ha denunciato le aziende?”

A InOnda (La7) lo scontro in studio tra Lucia Borgonzoni  (Lega) e Don Massimo Biancalani, il prete che ha aperto la ‘Pizzeria del rifugiato‘ a Pistoia.

Su PERETOLA, STAMPA INCOMMENTABILE Di: Coodinamento Comitati della Piana

“… La legge dice di ottemperare alla prescrizioni di VIA del 2003, ma tutti i soggetti interessati non lo hanno fatto, per creare artificiosamente i presupposti di necessità per una nuova pista, visto che quel decreto di VIA obbligava all’interramento dell’autostrada, ed alla via di Rullaggio.!!…” Coordinamento Comitati della Piana

Come commentare la rassegna stampa odierna, se non con il solito refrain dove viene dato ampio spazio a chi sostiene l’opera, che può dire tutte le castronerie del mondo, senza argomentazioni a supporto e che si dilegua sistematicamente dai contradditori pubblici nel MERITO DELLA QUESTONE  ??

La legge dice di ottemperare alla prescrizioni di VIA del 2003, ma tutti i soggetti interessati non lo hanno fatto, per creare artificiosamente i presupposti di necessità per una nuova pista, visto che quel decreto di VIA obbligava all’interramento dell’autostrada, ed alla via di Rullaggio.!!

Ovviamente nulla è stato fatto perché l’intenzione era un’altra con lo studio Confindustria del (2010 poi sparito) ovvero di avere un aeroporto Intercontinentale, camuffato da procedimenti illegittimi per richiedere un City Airport e farlo diventare con le omissioni, complicità ed interessi di pochi, un nuovo aeroporto Intercontinentale 4D/E

Consigliere Stella, Lei come lo stesso Marras pronunciò giorni orsono in Consiglio Regionale, sparlate di finanziamenti pubblici DOVUTI …. che non si possono elargire, ora o Voi ci dice a fronte di quale legge/impegno governativo/ autorizzazione UE, sono stati e/o verrebbero concessi, oppure dobbiamo prendere atto che Voi SPARLATE senza sapere.

Caro Onorevole Toccafondi, il vaniuloquio lo avete fatto Voi creando necessità artificiose, non supportate da documenti tecnici, con procedimenti illegittimi che il precedente Governo ha avallato, quindi gli interessi dei Cittadini sono in realtà interessi di “botteghe fiorentine ben qualificate”. Lo abbiamo scritto in tante occasioni, organizzi Lei Onorevole un contraddittorio pubblico, documenti alla mano se pensa di NON esser smentito nei fatti, ma come al solito NON avrà il coraggio di rischiare brutte figure.

Salvadori … ma di cosa parla ?? Si legga la risoluzione approvata in commissione Difesa dal Governo PD, con connessa autorizzazione fondi, per l’implemento aeroportuale di Pisa, con il nuovo Radar, forse già installato per una migliore gestione traffico aereo e militare.

Per questo TUTTI possono sparlare tranquillamente, non avendo prove a supporto delle proprie tesi e naturalmente con la copertura mediatica, nessuno può smentirvi, altro sarebbe leggi,atti, regolamenti alla mano di fronte ad una platea di Cittadini.

Coordinamento Comitati per la Salute della Piana di Prato e Pistoia
www.pianasana.org

 

Se Martina parla di “mercato del lavoro”… Di: Giacomo Fiaschi

“… usare questa ignobile e meschina espressione coniata ad arte dai moderni alchimisti e stregoni del villaggio detti “economisti”, ovvero una sottocategoria di contabili che si son montati la testa, abbia ad essere il segretario d’un partito che vorrebbe rappresentare la sinistra è una cosa ripugnante….” G. Fiaschi

Ho sentito più volte Martina parlare di “mercato del lavoro” una delle espressioni più ciniche, barbare, incivili e criminali immaginabili riferite al lavoro, fondamento costituzionale della nostra repubblica.
Il lavoro non può in alcun modo essere riconducibile ad un puro oggetto di mercato.
E che ad usare questa ignobile e meschina espressione coniata ad arte dai moderni alchimisti e stregoni del villaggio detti “economisti”, ovvero una sottocategoria di contabili che si son montati la testa, abbia ad essere il segretario d’un partito che vorrebbe rappresentare la sinistra è una cosa ripugnante.
Il lavoro non si mette sul banco dei carciofi, dei finocchi e delle cime di rapa. E neanche sui banchi delle magliette rosse bianche gialle verdi e turchine.
E piange il cuore doverlo ricordare a chi pretende di risollevare le sorti della sinistra italiana e parla di lavoro con un linguaggio che avrebbe fatto ribrezzo non dico a Giancarlo Paietta o a Giorgio La Pira, che da opposte posizioni avevano un ideale in cui credere che avrebbe loro impedito di usare questa espressione, ma persino a Giovanni Malagodi e a Ugo La Malfa.


https://it.blastingnews.com

Martina: ‘Non sono segretario a tempo determinato; battere Renzi a Primarie? Mai dire mai’

Maurizio Martina, a ‘In onda’ su La7, parla a tutto tondo della fase politica, dalle questioni interne al PD alle polemiche con il Governo in carica.

In occasione della puntata di “In Onda” su La7 di questo lunedì 16 luglio è intervenuto come ospiteMaurizio Martina, segretario nazionale del Pd, il quale si è soffermato su diversi aspetti di attualità Politica, sia interni al proprio partito, sia relativi alle scelte governative delle ultime settimane. Vediamo meglio quello che ha detto…. GUARDA IL VIDEO

 

«Beati i popoli che non hanno bisogno di eroi…». Di:Massimo Cecchi

Oggi, 15 Luglio 2018, ricorrono 3 anni dalla scomparsa del caro direttore Massimo Cecchi. Senza troppe parole lo ricordiamo con uno dei suoi tanti articoli. Ciao Massimo, ancora ciao. Cia da Prato nel mondo e delle tante persone che ti ricordano per quanto e per tanto altro… 

MASSIMO CECCHI. Fondatore di PRATO nel Mondo

Prato-Anzi, per usare l’espressione originale, «Sventurato quel popolo che ha bisogno di eroi». È la frase che Bertold Brecht, nella Vita di Galileo, fa dire al grande scienziato, uno dei padri della nostra modernità. L’Italia , purtroppo, è un paese, una nazione che vive da anni e anni sull’ eroismo personale di pochi tra l’indifferenza generale dei molti. Solo alcuni di questi, e solo se colpiti direttamente, passano, struggendosi un po’ e in fondo controvoglia dalla parte degli eroi. Eroi, che voglio ricordare, non saranno mai riconosciuti come tali se non dopo anni e anni, e dopo, forse dei tremendi ribaltoni politici. Oggi, e non possiamo negarlo, i nostri eroi, quelli che ben pochi di noi sono pronti a riconoscere in quanto tali, sono coloro che nell’assurda speranza di far parte di un popolo, di una nazione, di una città si rivolgono alle istituzioni che beatamente se ne fregano e si limitano a dar risposte di comodo atte solo a guadagnar tempo “Saranno altri ad occuparsi dei fatti perché proprio io?” I nostri eroi, giornalieri, sconosciuti ai più, sono tutti coloro che hanno riconosciuto nella nostra nazione nel nostro popolo, nella nostra città quella certezza di sicurezza che nessuno ha poi potuto garantire loro. Oggi i nostri poveri e strappati eroi sconosciuti chiedono aiuto, in modo flebile, alle autorità e da queste non hanno che risposte atte al rinvio, “Vedremo cosa potremo fare” Nessuno dei nostri laceri eroi scende in piazza, hanno paura, hanno paura di personaggi che a oggi si arrogano il diritto di far delle loro vite il buono e cattivo tempo. Ora basta! Ci pare sia giunto il momento che i nostri eroi sconosciuti, figli di una pezzo di pane o di una casa vengano riconosciuti come tali da chi di dovere e che chi di dovere finisca di nascondersi, come da anni accade, dietro le gonnelle della mamma. Vogliono essere il simbolo di una Prato che rinasce? Vogliono scorgere in essa una nuova Berlino? Vogliono poter lavorare a una città diversa e più vivibile? Bene lo facciano pure nessuno ne arresterà il cammino, ma, e c’è un ma, prima risolvano i problemi dei nostri eroi senza tetto e senza cibo e dopo, solo dopo, vengano a raccontarci le “Balle” colossali su aeroporti, Buchi, e centri fieristici, sono fantasie semi erotiche di impotenti guardoni, niente di più.

Massimo Cecchi, 

Il Consigliere GIANNARELLI DEVE SMENTIRE SUBITO Di: Coordinamento Comitati ed Associazioni NO AEROPORTO

“… Siccome Lei ha dichiarato che il M5S deciderà politicamente sui progetti di dettaglio e NON su Masterplan, allora a nostro avviso, NON doveva neppure citare la pista con orientamento 12/30, fosse essa di 2000 o 2400 metri, visto che il PIT al quale Lei fa riferimento NON ESISTE e non è utilizzabile in nessun procedimento, questo almeno finché il Consiglio di Stato non emetterà la sua sentenza, che ove dovesse confermare quello del TAR, il PIT sarebbe di fatto CANCELLATO….” Coordinamento Comitati ed Associazioni NO AEROPORTO

Giacomo Giannarelli, Consigliere Regionale M5S

Consigliere Giannarelli, alle dichiarazioni distorte si pretende la rettifica con la ripetizione integrale del VIDEO.!!
Ciò detto le posizioni che NON esprimono chiarezza, si prestano proprio all’ambiguità delle interpretazioni.
Siccome Lei ha dichiarato che il M5S deciderà politicamente sui progetti di dettaglio e NON su Masterplan, allora a nostro avviso, NON doveva neppure citare la pista con orientamento 12/30, fosse essa di 2000 o 2400 metri, visto che il PIT al quale Lei fa riferimento NON ESISTE e non è utilizzabile in nessun procedimento, questo almeno finché il Consiglio di Stato non emetterà la sua sentenza, che ove dovesse confermare quello del TAR, il PIT sarebbe di fatto CANCELLATO.
L’ampliamento dell’Aeroporto come Lei ha citato, era già previsto e concordato nel 2003 con il Decreto di VIA 0676/2003 e dove gli stessi soggetti che oggi reclamano la nuova pista erano quelli preposti alla verifica delle prescrizioni (disattente per ovvi interessi divergenti)
I Cittadini di Quaracchi/Peretola/Brozzi in questi anni sono stato continuamente presi per i fondelli da quelli stessi soggetti del PD che oggi con la nuova pista si proclamano risolutori dei loro problemi, mentre non hanno attuato i decreti di VIA, non hanno interrato l’autostrada, non hanno fatto la pista di rullaggio, non hanno verificato per 10 anni il rumore aeroportuale, non hanno delocalizzato le abitazioni” contermini alla pista”, cosi dice il Decreto.  In questo tempo i Cittadini di Quaracchi/Peretola/Brozzi hanno continuato a votare PD e solo a fonte delle nostre ricerche abbiamo potuto dimostrare quali “porcherie” sono state fin qui commesse.

Perciò visto che un nuovo aeroporto NON può essere ambientalmente costruito nel bel mezzo del PARCO DELLA PIANA, ( anche i bambini capirebbero che poi il parco sarebbe distrutto;
  • Che non esiste un progetto di dettaglio sulla pista di 2400 metri, autorizzata con un procedimenti illegittimo ed illegale;
  • Che non esiste un progetto di dettaglio sulla pista di 2000 metri, preso atto che il PIT è stato cancellato
  • Che esiste il Decreto di VIA 0676/2003 ancora vigente, (concordato fra tutte le istituzioni) ed ancora omesso da parte di tutti i soggetti preposti alla verifica, che prevedeva un City Airport, con pista di 2000 metri, pista di rullaggio, procedure di abbattimento rumore, delocalizzazione abitazioni contermini alla pista;
NOI LE CHIEDIAMO UNA NOTA UFFICIALE A NOME DEL MOVIMENTO 5 STELLE REGIONALE, che sintetizzi quanto segue per evitare perpetue illazioni e fraintendimenti, partendo dal presupposto come Lei ha detto di atti certi e non masterplan o progetti di massima:
SI alla qualificazione tramite il rispetto del decreto di VIA 0676/2003
NO alla pista di 2400 metri visto che è stata approvato con procedura illegittima e con Masterplan
NO alla pista di 2000 metri visto che non esiste alcun progetto dovendo prendere atto che la pianificazione Regionale è stata annullata dalla Sentenza del TAR.
Rimaniamo quindi in attesa di tale scarna ma essenziale comunicazione.!!

Coordinamento Comitati ed Associazioni NO AEROPORTO.!!

Queste le dichiarazioni di Giannarelli sul sito del Movimento 5 Stelle Toscana, dopo il servizio TG3 tagliato e rimontato, che avrebbe totalmente distorto (secondo Giannarelli) le sue reali dichiarazioni/posizioni.!

15 h · 

++ AEROPORTO FIRENZE ++

Come diceva Einstein, c’è una differenza tra genio e stupidità. Il genio ha i suoi limiti. E noi abbiamo bisogno di progetti geniali che tangano conto dei limiti normativi, ambientali, di sicurezza dei voli e non di progetti che non possono essere realizzati.

La nostra posizione è chiara e ha l’obiettivo di trovare una soluzione: o si da attuazione al vecchio progetto del 2003 (2000 metri+ pista di rullaggio) oppure chi vuole un nuovo aeroporto deve presentare un nuovo progetto con pista a 2000 metri, per esempio, e si vedra’ se é compatibile.

L’attuale progetto con pista di 2400 m, che non é nemmeno un progetto ma un master plan, ha ottenuto 140 prescrizioni che rendono l’opera irrealizzabile e, oltretutto, il procedimento pare essere illegittimo e con difformità urbanistiche con due comuni.

L’obiettivo è anche quello di mantenere l’Aeroporto di Pisa come unico aeroporto di rilevanza internazionale, potenziare il collegamento ferroviario tra Santa Maria Novella e la stazione di Pisa Centrale, e riqualificare l’Aeroporto di Firenze Peretola come city airport.

Purtroppo, per esigenze televisive, il mio intervento non è stato pubblicato nella sua interezza. Avrò modo di chiarirvi meglio la nostra posizione domani, in diretta facebook, se vorrete seguirmi.

Alfonso Bonafede Danilo Toninelli Luigi Di Maio Laura Bottici – Movimento 5 Stelle M5S Firenze MoVimento 5 Stelle Sesto Fiorentino Mamme No Inceneritore Assemblea per la Piana contro le nocività MoVimento 5 Stelle Pisa – Pagina Ufficiale.

Coordinamento Comitati per la Salute della Piana di Prato e Pistoia
www.pianasana.org

A proposito della vicenda giudiziaria della Lega… Di: Giacomo Fiaschi

“… Vorrei chiedere alle amiche e agli amici competenti in materia giuridica un parere riguardo ad un’idea che mi son fatto riguardo alla vicenda giudiziaria della Lega…” G. Fiaschi

“Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.”
Costituzione della Repubblica Italiana, Articolo 49)

Vorrei chiedere alle amiche e agli amici competenti in materia giuridica un parere riguardo ad un’idea che mi son fatto riguardo alla vicenda giudiziaria della Lega,

Premesse.
1) Un partito politico è una associazione di cittadini il cui scopo fondamentale, riconosciuto e sancito dall’articolo 49 della Costituzione, è quello di “concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.”
2) Data la loro finalità, a queste associazioni incombe l’obbligo non solo di corrispondere, ma di farlo in modo esemplare a quanto le leggi prevedono, specie in materia amministrativa.
3) La magistratura ha non solo il diritto, ma soprattutto il dovere di intervenire affinché sia garantito e tutelato, prima di tutto, il diritto costituzionale dei cittadini a “concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.”

Domande agli esperti in materia.
A) Quando la magistratura interviene, come è accaduto, per sanzionare violazioni in materia amministrativa commesse dai responsabili della gestione delle risorse finanziarie di un partito politico con disposizioni che generano l’effetto di privare i cittadini aderenti a quel partito di “concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”, si può affermare che dovrebbe prevalere il principio sancito dalla Costituzione a salvaguardia dei diritti dei cittadini e disporre quanto necessario a garantirne la continuità?
B) Se non lo fa allora si può legittimamente parlare di un comportamento palesemente avverso alla Costituzione?


NEGOZI IMPRIGIONATI A CAUSA DEI LAVORI MAL ORGANIZZATI DAL COMUNE Di: Lega Nord Prato

(da: BIffoni che fa cose)

Cosa vuole fare l’amministrazione, vuole svuotare ancora di più il centro? Già le attività presenti tra le mura si trovano in forte difficoltà, a causa della criminalità e del degrado, poi se il Comune invece di pensare a risolvere queste problematiche ne aggiunge altre, siamo al disfattismo totale

Queste le parole di Patrizia Ovattoni, segretario provinciale della Lega, a seguito dei forti disagi che il Comune di Prato ha creato con i lavori stradali a due importanti e storici negozi del centro: “Luca Innocenti – Abbigliamento” e “Lavasecco Renata”. Si tratta – prosegue l’esponente leghista – di una grave noncuranza da parte dell’amministrazione che sarebbe potuta intervenire in modo diverso a tutela dei negozianti. Ammesso e concesso che questi lavori non potessero essere programmati diversamente, come appunto afferma l’amministrazione, la stessa avrebbe potuto creare un adeguato passaggio pedonale corredato di appositi cartelli, in modo tale da consentire ai clienti la regolare fruizione dei negozi.            Ancora una volta – sottolinea Ovattoni – quest’amministrazione ha dimostrato la propria inadeguatezza nel governare la città di Prato, poiché questo episodio non rappresenta un caso isolato ma un grave fatto che si va ad aggiungere alle molteplici criticità oramai divenute caratteristiche di Prato.             Se i cittadini, alle prossime amministrative, decideranno di affidare il governo della città alla Lega – conclude la segretaria del Carroccio – sarà nostro preciso impegno tutelare l’interesse della nostra comunità con l’obbiettivo di rendere Prato una città tranquilla e vivibile nonché prospera e sana nell’ambito del commercio.

Prato 08 luglio 2018

Segretario Provinciale LEGA – Patrizia Ovattoni

Via Fauli 40 – 59100 Prato

Tel: 340 1684719

E-mail: [email protected]